Sgravi contributivi per nuove assunzioni: in arrivo la proroga per il 2023

Arrivano nuovi sgravi contributivi per le assunzioni nel 2023 grazie alla Legge di Bilancio in corso di revisione in Parlamento. Per capire come funzionano le agevolazioni, la cosa migliore è attendere il testo definitivo della norma e rivolgersi ad un professionista che saprà indirizzarvi su come sfruttare al meglio queste nuove possibilità di assunzione che saranno valide per partire dal 1° gennaio 2023. Tali disposizioni saranno in proroga rispetto a quelle già avviate lo scorso anno. Scopriamo insieme come funzionano i nuovi sgravi per le assunzioni del 2023 e a chi si rivolgono.

Sgravi nuove assunzioni per percettori RdC e under 36

La Legge di Bilancio per il 2023 proroga gli sgravi contributivi già attivi fino al 31 dicembre 2022 per assumere i percettori di Reddito di Cittadinanza, nonché giovani under 36, donne e agricoltori. Nello specifico la Legge di Bilancio 2023 garantisce, per quanto riguarda i percettori di Reddito di Cittadinanza, l’esonero pari a 12 mesi per il versamento dei contributi previdenziale a carico dei datori di lavoro, escludendo i contributi INAIL e i premi. Poi vi è lo sgravio contributivo fino a un massimo di 6.000 euro su base annua da riparametrare su base mensile, dedicato a chi assume a tempo indeterminato giovani al di sotto dei 36 anni. Tutto questo è valido fino a per 36 mesi ed è pari al 100% dei contributi previdenziali dovuti dai datori di lavoro, sempre per un importo massimo fino a 6.000 euro.

Esonero per le assunzioni di donne e agricoltori

Per le assunzioni delle donne, dal 1° gennaio al 31 dicembre 2023, è previsto uno sconto del 100% per un massimo di 6.000 euro anni, invece, per i giovani agricoltori è previsto l’esonero totale dal versamento dei contributi previdenziali per gli under 40 nei primi due anni di attività. Per avere tutte le informazioni riguardo gli sgravi fiscali, la cosa migliore è rivolgersi a dei commercialisti esperti. Lo studio Salvati – Commercialisti Roma saprà aiutarvi a gestire al meglio questa opportunità e risparmiare sulle nuove assunzioni.

Condividi l'articolo

WhatsApp
Facebook
LinkedIn
Telegram
Email
Print