Resto al Sud: finanziamenti per l’imprenditoria del meridione

Grande opportunità con le novità previste dalla misura “Resto al Sud”. Parliamo di un importante incentivo per il Mezzogiorno e per il Centro Italia che prevede contributi economici fino a 200.000 euro per nuove attività oppure imprese. Rivolgendovi ai commercialisti dello studio Salvati di Roma potrete avere delle informazioni in merito. Nello specifico, si potrà valutare se si hanno tutti i requisiti per partecipare a questa misura di supporto e per ottenere con successo il finanziamento Resto al Sud

Resto al Sud, le novità 2022

In merito al finanziamento di Resto al Sud, per il 2022 sono state introdotte una serie di novità come l’estensione dei territori del cratere sismico della misura, nonché l’incremento dei beneficiari. Mentre inizialmente era rivolto ai giovani tra i 18 e i 35 anni di età, ora la misura è stata estesa fino agli under 56. Anche altri territori sono entrati oltre ai già citati i Comuni del cratere sismico, ovvero quelli che si trovano nel Lazio, nelle Marche e in Umbria. Sono cioè le isole minori marine e le isole lagunari e lacustri. Vi sono poi, solo specifiche attività che possono richiedere i finanziamenti, cioè:

  • industria;
  • trasformazione dei prodotti agricoli;
  • artigianato;
  • pesca;
  • acquacoltura;
  • turismo;
  • commercio;
  • forniture di servizi alle persone e alle imprese;
  • attività libero professionali.

Sono escluse invece dalla misura, le attività agricole

Come ottenere il finanziamento Resto al Sud

Per chiedere il finanziamento Resto al Sud bisogna rivolgersi a degli esperti che vi guideranno nella compilazione della domanda. Il consiglio è quello di chiedere aiuto ai commercialisti dello studio Salvati a Roma che sapranno guidarvi nella presentazione delle istanze. Per ogni approfondimento, è possibile trovare sul sito di Invitalia, che gestisce la misura, tutti i moduli che bisogna presentare ed eventuali altri chiarimenti. I nostri esperti dello studio Salvati di Roma sapranno poi aiutarvi nell’intricato mondo della presentazione dell’istanza.

Condividi l'articolo

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email
Share on print
Print