La deducibilità delle spese di rappresentanza

Le spese di rappresentanza, ovvero quelle che vengono sostenute con finalità di pubbliche relazioni o promozionali, sono completamente deducibili dal reddito d’impresa. Secondo quello che prevede la legge, questa riduzione avviene con un sistema riflessivo per scaglioni che viene calcolato sulla base dei ricavi conseguiti. Scopriamo insieme come fare per ottenere la deducibilità o la detraibilità IVA delle spese di rappresentanza. Per aiutarvi in questa procedura di deducibilità, la cosa migliore è affidarsi all’esperto commercialista dello studio Salvati di Roma che saprà darvi le indicazioni corrette su come ottenere tale possibilità.

La normativa sulla deducibilità delle spese di rappresentanza

Le spese di rappresentanza sono deducibili secondo quanto prevede l’articolo 108 comma 2 del Decreto del Presidente della Repubblica 917 del 1986 (TUIR). In pratica, secondo quanto prevede la legge, tali spese sono completamente deducibili secondo degli specifici criteri. Si parla – nello specifico – di deducibilità ai fini delle imposte sui redditi e detraibilità IVA per queste spese di rappresentanza. Possono essere considerate spese di rappresentanza quelle che hanno finalità di pubbliche relazioni o promozionali, nonché le spese che non sono collegate a una controprestazione. Deve essere quindi garantito il criterio della gratuità.

Qual è la percentuale di deducibilità

Come accennato, le spese di rappresentanza sono deducibili per scaglioni. Per coloro che hanno dei ricavi aziendali fino a 10 milioni di euro, sono deducibili per l’1,5%. Chi ha invece dei ricavi che vanno da 10 milioni e fino a 50 milioni di euro sono deducibili per lo 0,6%. Nel caso di un’impresa i cui ricavi sono superiori a 50 milioni di euro, è possibile la deducibilità solo per lo 0,4%. Per avere contezza su quali sono le spese deducibili e come fare per richiederla, è consigliabile rivolgersi a degli esperti del settore. Potete rivolgervi allo studio commercialista Salvati di Roma che saprà aiutarvi a non commettere passi falsi.

Condividi l'articolo

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email
Share on print
Print