Disciplina fiscale cripto-attività: tutte le novità della Legge di Bilancio 2023

Arriva una nuova disciplina fiscale applicabile alle cripto-attività nella Legge di Bilancio 2023. Nello specifico, la Manovra, a differenza di quanto avveniva in passato, include in modo esplicito le cripto-attività nell’ambito del quadro impositivo sui redditi delle persone fisiche. Per capire come gestire questa novità da un punto di vista fiscale, il consiglio è di rivolgersi allo studio commercialista di Prati, a Roma, Studio Salvati. L’esperto in tenuta contabilità ti spiegherà nel dettaglio come funziona la norma e come si applica e quali sono i requisiti e limiti. Vediamo nel dettaglio cosa prevede la Legge di Bilancio 2023.

Come funziona la nuova disciplina fiscale cripto-attività

La Legge di Bilancio 2023 introduce, per disciplinare l’attività fiscale legata alla cripto-attività, una nuova categoria di “redditi diversi”. Tale categoria è costituita dalle plusvalenze e dagli altri proventi realizzati mediante rimborso o cessione a titolo oneroso, permuta o detenzione di cripto-attività. Vale per ogni cripto-attività comunque denominata, archiviata o negoziata elettronicamente su tecnologie di registri distribuiti o tecnologie equivalenti, di valori non inferiori complessivamente a 2.000 euro nel periodo d’imposta. La norma consente di portare in deduzione dalle plusvalenze, le minusvalenze relative a operazioni aventi ad oggetto cripto-attività realizzate fino alla data del 1° gennaio 2023. Se avete dubbi in merito, il consulente dello studio Salvati di Roma saprà guidarvi in questo intricato mondo, passo dopo passo.

Altre novità sulla disciplina fiscale cripto-attività

Oltre alle novità citate, la Manovra 2023 modifica la disciplina dell’imposta sostitutiva sulle plusvalenze e sugli altri redditi, configurando i tre diversi regimi della “dichiarazione”, quello cosiddetto del “risparmio amministrato” e quello del “risparmio gestito”. Previste anche altre misure che potrete gestire grazie all’esperto in tenuta contabilità presso lo Studio Salvati. Ad esempio, i componenti positivi e negativi che risultano dalla valutazione delle cripto-attività non concorrono alla formazione del reddito ai fini dell’imposta sul reddito delle società (IRES) e dell’imposta regionale sulle attività produttive (IRAP). Il disegno di legge permette poi ai contribuenti che non hanno indicato nella propria dichiarazione la detenzione delle cripto-attività, di regolarizzare la propria posizione. Infine, si applica l’imposta di bollo ai rapporti aventi ad oggetto le cripto-attività nella misura del 2 per mille annui del relativo valore e si prevede l’applicazione di un’imposta sul valore delle cripto-attività detenute da tutti i soggetti residenti nel territorio italiano.

Condividi l'articolo

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email
Share on print
Print