Avere lo Studio a casa: l’uso promiscuo

Avere lo Studio a casa può rappresentare numerosi vantaggi per un professionista, come nel caso di un commercialista Roma Nord o anche di altre città o altre zone. In caso si volesse utilizzare uno stesso spazio per finalità diverse, si deve parlare di “uso promiscuo”. Nel caso dello studio professionale a casa, si parla di finalità sia personali sia lavorative, ed è per questo che si rientra nell’uso promiscuo.

Per avere spiegazioni più dettagliate riguardo l’argomento, puoi rivolgerti a noi dello Studio Salvati Roma, la cui figura principale è il commercialista Salvati.

 

Avere lo Studio a casa: cosa prevede la legge

 

Avere lo Studio professionale in casa può garantire senza dubbio diversi vantaggi per il professionista. Tuttavia ci sono dei dettagli che la legge ha stabilito e che risultano essere di elevata importanza. Uno tra questi è il fatto che l’art. 54, comma 3, del TUIR indica che il professionista può utilizzare la propria abitazione con uso promiscuo. Oltre al proprio domicilio, è possibile utilizzare qualsiasi altro immobile. È importante però sapere anche che la rendita catastale può essere detratta dalle tasse nella percentuale del 50%. Hanno una percentuale di detrazione IVA anche i servizi relativi a questi immobili.

 

Avere lo Studio a casa: i vantaggi

 

Come già accennato, per il professionista ci saranno numerosi vantaggi nell’utilizzare una parte del proprio domicilio come Studio. In ogni caso, prima di poter utilizzare questo spazio, deve accertarsi di aver fornito alle Istituzioni le opportune documentazioni. Questo è molto importante per non incorrere nel rischio di eventuali sanzioni o problemi. In tal caso, per conoscere tutte le leggi in merito, è bene affidarsi al nostro Studio commercialista Salvati. In tal modo si potranno avere spiegazioni complete in merito e poter ricevere anche una guida nella compilazione dei documenti. Oltre a questo non si rischierà di sbagliarsi nell’interpretazione di leggi, regolamenti e norme in questo ambito.

Condividi l'articolo

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email
Share on print
Print